domenica 24 agosto 2014

#The Very Inspiring Blogger Award! *-*

Ben ritrovati miei cari:), come state? Io dopo nove ore di viaggio sono stanca morta *sbadiglia*. E' un miracolo che sia qui a scrivere questo post, ma dovevo... volevo**. Mi siete mancati tantissimo e io vi sono mancata? *occhi dolci* aha:D. Dunque, come passano queste vacanze? Spero al meglio u.u. Volevo mostrarvi oggi alcuni scatti che ho fatto sulla Marmolada :3 ( quanto mi manca l'aria frizzantina che regnava sulle Dolomiti ), ma, dato che ho ricevuto anche io il premio #TheVeryInspiringBloggerAward, gli scatti dovranno aspettare u.u. Innanzitutto, voglio ringraziare tantissimo SaraLuca Vercy per aver pensato a me affidandomi questo premio *o*. E' fantastico sapere che non uno, ma bensì tre blogger ti hanno scelta :') *lacrime agli occhi*. Questi premi mi gratificano tantissimo e....mi sento come se avessi vinto il Nobel :D.




Ecco qui le regole:

Ringraziare la persona che ti ha nominato
Elencare le regole e visualizzare il premio
Condividere 7 fatti su di te
Nominare altri 15 blog e lasciare un commento per fargli sapere che sono stati nominati
Mostrare il logo del premio sul tuo blog e seguire il/la blogger che ti ha nominato

Sette cose da sapere su di me:

1 Amo ballare le danze caraibiche e i latini americani, in particolar modo la Bachata e la Salsa*-*. A Settembre inizierò la scuola e devo sbrigarmi a trovare un partner >.<'. ( Si accettano volontari ahah :P).
2Odio il fumo. Non ho mai provato a fare un tiro di sigaretta e mai lo farò. Infatti, quando mi trovo in compagnia di amici fumatori, mi sposto almeno di un metro oppure, se non mi è possibile, metto una mano davanti alla bocca e premo in su, in modo tale da avere sia naso che bocca tappati xD.
3 Tengo una collezione di biglietti del cinema. Tutte le volte che vado a vedere un film, metto da parte il biglietto e arrivata a casa lo sistemo all'interno di una busta da lettere xD. Ne ho davvero tantissimi!
4Nonostante abbia quasi 18 anni, trovo il buio terrificante. Ho il sospetto che ci sia qualcosa di non identificato sotto il letto o nell'armadio che aspetta solo di attaccare. Perciò lo combatto tenendo la luce del giardino accesa e subendomi le imprecazioni di mio padre per il costo della bolletta :P.
5Da piccola non sopportavo i peluche trovandoli fastidiosi e portatori di polvere. Ora, con l'avvicinarsi della mia maggiore età, trovo che quei piccoli batuffoletti morbidosi siano tenerissimi*-* (Oltre al fatto che sono dei grandi ascoltatori e ti danno sempre ragione aha :D). Ne ho tre che riposano tutto il giorno sul mio lettone: un cagnolino giallo di nome Poppy, un pesce pagliaccio di nome Nemo (fantasia portami via xD) e una piccola anguria la quale, ora che ci penso, non ha un nome >.<''.
6 Sono una pigra di dimensioni galattiche. Dovrei fare tante cose ma alla fine non ne faccio nessuna, o al massimo una ( se siamo positivi xD). Piuttosto passo il tempo a lamentarmi di ciò che devo fare che nel farlo xD.
7Il mio colore preferito è sempre stato il blu e tutte le sue sfumature. Adoro l'azzurro intenso del cielo di montagna, il blu profondo del mare e gli occhi limpidi cristallini*-*

Arriviamo ora alla nomina dei Blog, ergo la parte più complessa aha:P. Ho notato, mio malgrado (perché ora non so chi citarexD), che la maggior parte dei blog che seguo è già stata premiata T.T.
Comunque, provo lo stesso a chiamarne qualcuno e vediamo se avrò fortuna :P.

I 15 blog prescelti:

1) Il sogno di una lettrice 
2) Shining Books
3) La Biblioteca di Eliza
4) Brucia le maschere
5) GOTTA READ'EM ALL!
6) Fluttering Pages
7) Book Time
8) Creature di Carta
9) Sfogliando la vita
10) Un buon libro non finisce mai
11) I libri sono un antidoto alla tristezza

So che ne mancano altri quattro, ma davvero non so chi nominare T.T Faccio la ragazza trasgressiva lasciando la lista incompleta mhuahaha :D *sfrega le mani*.

Un grazie ancora a Luca, Vercy e Sara e un bacione a tutti :)xx
Ps. Vado a trovare un nome all'anguria xD, qualche consiglio? :P

martedì 12 agosto 2014

Recensione: Finché amoreodio non ci separi di Anna Premoli

INTRODUZIONE
Scrittrice: Anna Premoli
Titolo: Finché amoreodio non ci separi
Genere: Contemporary Romance
Numero Pagine: 227
Costo: 9,90€ 
Casa Editrice: Newton Compton
Prima Edizione: 8 Maggio 2014
Giudizio Personale: 4 stelle su 5
TRAMA
Dall'autrice di Ti prego lasciati odiare
Il caso editoriale degli ultimi anni

Amalia Berger è un affermato avvocato newyorkese, nota nel foro come “la regina di ghiaccio”. I ricchissimi genitori però le riservano da sempre poche attenzioni. Ryan, di origini irlandesi, è il maggiore di quattro figli maschi e la sua caotica famiglia gestisce un tipico pub nel cuore della Grande Mela. I due si sono conosciuti alla scuola di legge di Yale, dove è nata la loro reciproca antipatia. Amalia è poi rimasta a New York, mentre Ryan ha fatto carriera a Chicago. Finché un giorno, l’offerta di un posto da vice procuratore lo riporta a New York. Il primo caso che si trova ad affrontare sembra davvero banale: l’arresto per guida in stato di ebbrezza di una ragazza dell’alta società. Ma quel che appare semplice, si può complicare inaspettatamente, se per esempio l’avvocato difensore della ragazza è proprio quella Amalia Berger, che Ryan non vede da almeno dieci anni… Lo scontro in aula degenera a tal punto che il giudice condanna entrambi a una pena esemplare, che li costringerà a trascorrere parecchio tempo insieme. E cosa può accadere se due persone che si detestano dal profondo del cuore sono costrette dalla legge a collaborare?


"Chi diavolo era, Raperonzolo travestita da avvocato?". - Ryan


La storia...

Amalia Berger è una giovane donna di trentatré anni che lavora come avvocato nella città di NewYork. La "Regina di ghiaccio", così chiamata nell'ambiente di lavoro per il suo carattere "duro" e quei suoi occhioni azzurri, porta sulle spalle un grosso fondo fiduciario e da sempre i genitori non la considerano come dovrebbero, ignorandosi anche tra di loro. Per questo motivo, Amalia, non crede nei legami e nel matrimonio. Ryan, invece, è il fratello maggiore, di quattro figli maschi, di una famiglia dalle origini irlandesi. Al contrario di quella di Amalia, la famiglia del ragazzo è disordinata e invadente e gestisce un piccolo pub nella Grande Mela. Amalia e Ryan si sono conosciuti dieci anni fa nella facoltà di legge e da lì hanno scoperto un'attrazione reciproca celata dall'odio. Odio per via della condizione economica della ragazza e per l'atteggiamento ostile del ragazzo. Ryan, infatti, pensa che Amalia sia una ragazzetta viziata che ha già tutto offerto su un piatto d'argento e che non deve faticare minimamente per ottenere le cose. Nonostante ciò, comunque, l'attrazione è inarrestabile.


"Quella ragazza era pericolosissima per la sua salute e andava evitata come la peste".

Finita l'università, le strade dei due si sono separate: Amalia ha continuato a lavorare come avvocato a New York e Ryan se n'è andato a Chicago. Tuttavia, il fato vuole riportarlo a New York con un posto da vice procuratore appena liberato. Il primo caso che si trova ad affrontare è l'arresto di una ragazza "nobile" per guida in stato di ebbrezza. Ryan sapeva benissimo come trattare questioni simili e pregustava già la vittoria, ma quello che assolutamente non aveva previsto era che l'avvocato difensore della fanciulla fosse proprio Amalia. L'impatto tra i due è forte e le emozioni che si erano spente con il tempo tornano a fare scintille.


"Era stufo di lei, era talmente stufo della sua continua presenza, del suo profumo e dei suoi capelli, da essere sul punto di fare qualche follia. Come strozzarla. Oppure toccarla".

Non trovando un accordo per risolvere il caso e sbraitandosi in aula, il giudice pone fine alla faccenda che stava diventando a dir poco ridicola. Non solo risolve in prima persona il caso, ma condanna i due giovani a parecchie ore di lavori socialmente utili da svolgere INSIEME. Non avendo possibilità di uscirne i due cercano di collaborare ma non è semplice. Qualsiasi cosa che si dicono viene ingigantita e trasformata in litigio. Dopotutto una cosa in comune ce l'hanno: la grande determinazione e la voglia di vincere. Nel frattempo, la stessa ragazza accusata per guida in stato d'ebbrezza, viene richiamata per un'altra accusa di tentato omicidio. Amalia e Ryan non perdono tempo e si preparano allo scontro. Amalia vuole vincere per riaffermare la sua posizione e per l'attaccamento alla cliente e Ryan per fare una buona impressione con la procura. Ma la faccenda non risulta semplice in quanto la passione tra Amalia e Ryan preme sempre più per venire fuori.


"Ecco, Amalia era esattamente come una droga per lui. La somiglianza gli sembrava perfetta."

Due corpi che si attraggono e si respingono: un equilibrio destinato a finire con lo scontro in tribunale o l'inizio di qualcosa di nuovo e inaspettato?


I miei pensieri...

Dopo "Ti prego lasciati odiare" e "Come inciampare nel principe azzurro" ecco che torna la nostra fantastica Anna Premoli con questa frizzante e dolce commedia intitolata "Finché amoreodio non ci separi" ( Che poi ancora non ho capito se il titolo vero e proprio è "Finché amore non ci separi o Finché amoreodio non ci separi ahahxD). Con questo libro, la scrittrice ci sorprende esprimendosi in terza persona, cosa da me non molto gradita (semplici preferenze u.u). Tuttavia, la storia è ben scritta con quello stile chiaro e ironico che ormai conosciamo della scrittrice. Nonostante la narrazione sia in terza persona, i pensieri, le emozioni e le caratteristiche di ognuno dei personaggi del libro vengono captati facilmente dal lettore. La Premoli ci regala anche qui una spassosa vicenda, alternando momenti divertenti a momenti più intensi creando un giusto andamento. Chi mi conosce sa che io adoro questa scrittrice per il fatto che non si allarga troppo in chiacchiere futili e per la chiarezza con cui esprime i concetti, ma devo dire che questo libro non è stato all'altezza dei suoi precedenti. Per due motivi: "Finché amoreodio non ci separi" è sicuramente una piacevole lettura estiva che ti fa ridere e sognare, ma l'ho trovato più "piatto", più "spento", più "lento" rispetto agli altri. (Sarà perché non mi interessano molto i tribunali xD). Fortunatamente, i dialoghi e i battibecchi tra i protagonisti che ci sono stati nei vari scenari delle ore socialmente utili sono stati attivi ed esilaranti. Adoro quando abbiamo due personaggi che nascondono l'amore dietro l'odio e tutto ciò che questo comporta*-*.


"Meglio litigare invece di dover convivere con la strana necessità di continuare a starle accanto".

Nel secondo motivo rientrano i personaggi. Mentre Amalia è stata esposta in maniera impeccabile, Ryan purtroppo non ha soddisfatto le mie aspettative. Qui troviamo, infatti, una ragazza forte, determinata, diretta, che sa quello che vuole, mentre il ragazzo è molto insicuro. Cosa cerco di farvi capire? Che qui i ruoli di maschio forte e donna esitante si sono invertiti!!. Credo che non sia il massimo per le lettrici che aspirano ad un ragazzo sicuro e "robusto". Un personaggio che mi è piaciuto è stata Kayla, la migliore amica di Amalia, che sembra sapere sempre ciò che dire. Spiritosi sono anche i fratelli di Ryan**. Concludo dicendovi che è stata una lettura carina, ma che poteva dare di più. Mi uccide dare 4 stelle alla Premoli T.T


In conclusione gli affido 4 dolcetti su 5

lunedì 4 agosto 2014

Novità Self: "Fino alla fine della rete" di R. V. Beta

Buon inizio settimana cari lettori^^. Sono tornata da due settimane incredibili in Abruzzo passate nel rilassamento più totale. Perché le cose belle passano così veloci?!?>.<. Stranamente, questa vacanza, è stata molto soddisfacente.. quasi a livello delle mie aspettative. Ho incontrato delle persone tipo Alberto Farina, io ancora non ci credo o.o! e un mio caro amico che ho conosciuto la scorsa estate sempre in vacanza, che per una volta la fortuna sia stata dalla mia parte?!? :O. Tra risvegli muscolari, acqua gym, balli di gruppo e giornate intere passate a camminare sulla spiaggia e a nuotare, ora io mi chiedo.... come diamine è possibile che non sia scesa di peso?! Anzi ora mi ritrovo con 2 kg in più!!>.<. Non capisco proprio perché u.u. Ok,ok è vero. Ho mangiato tutti i giorni come se non ci fosse un domani ma in modo del tutto proporzionale al mio sforzo fisico u.u xD. Comunque mi è mancato tantissimo non poter scrivere niente nel blog e non passare del tempo con tutti voi:(. Ma ho continuato, tuttavia, tramite e-mail, a leggere i vostri commenti sempre bellissimi*-*. Dato che questo è il primo post dal rientro e anche perché non ho voglia di sforzarmi troppo con il cervelletto xD oggi voglio segnalarvi, in leggero ritardo (chiedo ancora scusa T.T), il romanzo di esordio di R.V.Beta, self-published, intitolato "Fino alla fine della rete" che punta ad un pubblico femminile a cui piacciono i videogiochi.




Scrittrice: R.V.Beta
Titolo: Fino alla fine della rete
Editore: Self-published
Pagine: 255
Prezzo: 2,68€ (disponibile solo in e-book)
Link: Qui




Sinossi:
Yuuki è una ragazza scappata di casa per vivere sulla propria pelle un’irrefrenabile curiosità per la vita e la tecnologia.
La sua ultima impresa di pirateria informatica l’ha riportata bruscamente dal mondo virtuale a quello reale, e ora è un obiettivo.
Daisuke è dotato di una fervida immaginazione, con la quale sconfigge le noiose giornate da impiegato di una multinazionale.
Qualcosa di speciale unisce Yuuki e Daisuke nella fuga che affronteranno insieme, o almeno così è come la vede lui.
L’inizio di una nuova vita per entrambi è una seconda occasione, la possibilità di lasciarsi tutto alle spalle, se troveranno la forza per sfidare gli incubi che li circondano.
Il debutto di R.V. Beta è il diario di viaggio di un gruppo di personaggi che dovranno presto imparare a non darsi mai per vinti, perché la realtà non è mai una sola...
Esistenze per nulla ordinarie e nessuno di cui potersi fidare fino in fondo: un invito a cambiare prospettiva.

Informazioni sull'autrice:
Passo gran parte del mio tempo aspettando che si installino gli aggiornamenti della PS3.
Ho a casa un Oculus Rift ancora imballato, mentre i pupazzetti di vinile sono riuscita a tirarli fuori dalle loro scatole.
Non sopporto quando si fulmina la lampada del semaforo e non so se posso attraversare.
Ho scoperto che il sushi non ingrassa, consiglio il tonno che ha più gusto del salmone.
Non capisco che gusto ci sia a mangiare la pannocchia fritta.
Le rare volte che vado alle giostre e c’è lo stupido carrellino che porta nel tunnel dell’orrore, tengo gli occhi chiusi.
Vorrei iniziare a fumare, ma non ne ho il coraggio.
Mi immagino di entrare un giorno in un negozio di elettrodomestici e tutte le televisioni mi salutano facendo il mio nome.
Non mi dispiacerebbe lavorare al riciclaggio della carta, rubando dal calderone frammenti di fogli per farmi un collage da attaccare al muro, tipo soggetto pericoloso.
Mi ispira Minecraft, ma temo di perdermi dentro. Secoli fa facevo da balia a un Tamagotchi non mio, e non so perché tendevo a trattarlo male: ho ancora i sensi di colpa.
Internet è invasa dai gatti, ma anche gli unicorni cercano attenzione a tutti costi.
Non so cosa si nasconde sotto la sabbia della spiaggia.

Buon proseguimento di giornata dalla vostra Nicky :)xx.