venerdì 31 ottobre 2014

Novità Self: "Tornado d'amore" di Marlyse Jumbo

Ben ritrovati fanciulli*-*. Siete pronti a passare una fantastica notte di Halloween?!? Io andrò ad una festa e non vedo l'ora :DD. Ho preparato un costumino da diavoletta e del sangue finto.. da brividoo:SS. Adoro il clima tenebroso che porta questo evento con tutti i mostri più schifosi che vagano per le strade. Per non parlare dei piccoli marmocchi che bussano alla porta per rubarmi tutte le caramelle >.<'''. E' davvero eccitante!!!
Tralasciando per un momento Halloween, oggi vi volevo presentare un nuovo libro di una scrittrice emergente, Marlyse Jumbo, che ringrazio per essersi affidata a Passione per le righe:).


Titolo: Tornado d'amore
Scrittrice: Marlyse Jumbo
Genere: Fantasy
ISBN e-book: 9781326059361
ISBN cartaceo:9781326059149
Pagine: 253

Trama: Sam è un giovane ragazzo abitante di Sparkle - una dimensione che ospita creature mistiche di vario genere - è un ibrido tra drago e nogitsune. E' un tipo presuntuoso, svogliato e pieno di se - ma con un gran cuore - sempre in giro con la sua compagnia di amici strampalati. Ma quando incontra Jade, una splendida ragazza dal carattere pungente, dagli occhi magnetici che è solita nascondere sotto ad un semplice paio di occhiali, la sua vita cambia radicalmente. 
Grazie a Jade proverà cose mai provate prima, abbasserà la guardia mostrando la sua vulnerabilità riuscendo a scuotere la parte tranquilla di drago del fuoco che risiede in lui.
La comparsa di Jade lo porterà a riflettere attentamente su tutte le sfumature della sua natura, compresa quella oscura che lui è solito reprimere.
Sarà la misteriosa Jade a rivelare a Sam chi è lui in realtà e qual è il suo vero sconvolgente, e doloroso destino.
Con l'aiuto di Jade ed il suo fidato amico Blue, Sam col tempo imparerà ad accettare ogni aspetto di se, compreso il suo "nuovo" spirito, Rompi.

Estratto dal libro (1)
Mi disse che se non avessi cominciato ad amare, ad accettare, il mio elemento oscuro, la mia volpe nera, in un momento di pura rabbia, di autentico odio, avrebbe preso il controllo su di me.
E non lo potevo permettere.
Ma io non mi arrabbiavo mai, davvero, mai.
Come poteva una volpe oscura essere più forte di un drago del fuoco?
Per me era assurdo, ma in effetti era sensato. Le kitsune in generale, devono essere sempre molto controllate, i loro poteri sono legati alle loro emozioni, ed io lo so bene, lo vivevo sulla mia pelle ogni giorno, purtroppo.
Tra mia madre, che minacciava di uccidermi in continuazione; Serge, che era sempre pronto ad incenerire Freddy; Blue, che ha un temperamento irruente e non smetteva mai di maltrattarmi, nonostante io sia di un anno più grande; Lysa che… beh, lei è Lysa.
I draghi invece, sono più calmi, più tranquilli, non sono impulsivi, non si arrabbiano spesso. Per il povero Damian, era un’eccezione, se sposi una donna come mia madre, ed hai un figlio come me, è difficile, riuscire a non perdere la testa!
Mi faceva sempre pena papà.
Comunque, essendo un ibrido, dovevo essere più cauto, non dovevo lasciare che la volpe nera, prendesse il sopravvento su i miei sentimenti. Altrimenti, sarei diventato una nogitsune… completa.
O nel caso di un torto subito, un dolore inflitto, una nogitsune vendicativa.
Se mi avessero detto queste cose giorni prima di incontrarla, avrei pensato che fossero tutte fesserie, se non avessi avuto quella orribile visione, avrei pensato che questo discorso fosse totalmente stupido.
Ma, l’ascoltai.
C’erano tante cose che Jade mi nascondeva, eppure, avevo la sensazione che lo facesse per il mio bene.
Chi era lei? Chi era, questo lui? E cosa significavano quelle agghiaccianti immagini che avevo visto nella mia visione? Sarebbe successo davvero?
Purtroppo, sapevo già la risposta, o meglio, Rompi la sapeva, ed era… “Sì, succederà davvero, quindi preparati.”

Estratto dal libro (2)
Jade mi aveva intrappolato, avevo abbassato la guardia con lei solo una volta, e mi sono lasciato senza volerlo, ammagliare completamente. Sì… lei era la sirena che più mi terrorizzava. Mi ero lasciato travolgere da un qualcosa che sfuggiva al mio controllo, simile ad uno stupido tornado, di desiderio, di passione e d’amore. Lei si era appropriata dei miei respiri, alimentava la passione che c’era in me. Come aveva detto Blue, era l’unica ragazza capace di scombussolare il mio tranquillo drago del fuoco. Lei mi faceva sentire come una kitsune: selvaggio ed imprevedibile.


Informazioni sull'autrice
Sono nata nel 1992, sono un tipo apparentemente timido, che a lungo andare mostra tutta la sua estrema pazzia, forse perchè sono gemelli.
Ho una sorella e una madre fantastica perchè ci ha cresciute da sola, lei è praticamente il mio idolo.
Non so perchè, ma amo i film e i libri sdolcinati, quelli che ti costringono a tirar fuori tutte le lacrime, anche se cerchi di resitere.
Mi piace scrivere perchè posso racchiudermi in un mondo tutto mio, fatto delle mie regole, dei miei pensieri, delle mie visioni, e mi fa sentire libera.

Cosa ve ne pare? A me sembra molto interessante come storia:)
Come lo passerete voi Halloween? Vi maschererete?
Un bacione e buon divertimento!!!^^

lunedì 20 ottobre 2014

Recensione: Un amore al mirtillo di Mary Simses


INTRODUZIONE
Scrittrice: Mary Simses
Titolo: Un amore al mirtillo
Genere: Contemporary Romance
Numero Pagine: 300
Costo: 16,00€ 
Casa Editrice: Mondadori
Traduzione: Maria Carla Dallavalle
Prima Edizione: 3 Giugno 2014
Giudizio Personale: 3 stelle su 5

TRAMA
Quando Ruth, la sua adorata nonna, le chie­de di realizzare il suo ultimo desiderio prima di morire, Ellen Branford, giovane avvocato in carriera di New York, non esita un solo istante ad accettare e si mette subito in viaggio per esaudirlo: deve recapitare una lettera di Ruth al suo primo amore nella cittadina di Beacon, nel Maine, patria dei campi di mirtilli. Il giorno del suo arrivo, Ellen cade in acqua mentre sta facendo delle foto su un pontile e viene salvata da Roy, un affascinante sconosciuto che lei, presa dall'enfasi del momento, ringrazia baciandolo con passione. Il giorno dopo, la foto del bacio è sulle pagine di tutti i quotidiani del posto ed Ellen diventa una piccola celebrità locale. Lei, che tra l'altro è a un passo dal matrimonio con Hayden, un giovane di ottima famiglia, non sa che pesci pigliare, e tutte le sue certezze e la sua vita preordinata cominciano a vacillare. La gentilezza degli abitanti del luogo, i ritmi piacevoli della provincia e il delizioso cibo le fanno ben presto dimenticare la vita fatta di apparenze che conduceva a New York. Quando Hayden si presenta a Beacon, Ellen non può più mentire a se stessa e deve affrontare l'attrazione sempre più forte che prova per Roy e capire cosa vuole veramente per sé. Hayden o Roy? New York o Beacon? La risposta è tutta in un irresistibile muffin ai mirtilli.


La storia...

Ellen Branford non potrebbe chiedere niente di meglio dalla vita: oltre ad essere un affermato avvocato newyorkese, è prossima al matrimonio con un aspirante politico. Come tutte le cose belle, però, anche questa è destinata a finire quando la sua adorata nonna Ruth muore e come suo ultimo desiderio le chiede di recapitare una lettera al su primo amore nella piccola cittadina del Maine. Per Ellen è un incubo abbandonare la sua frenetica New York e di certo cascare nelle acque di Baecon appena arrivata non aiuta la situazione. Per fortuna sua interviene Roy, un ragazzo molto attraente, che la porta in salvo. Ellen presa dall'entusiasmo del momento lo ringrazia baciandolo intensamente per poi scappare via quando riprende il comando delle sue facoltà mentali. Eppure quel bacio da poco continua a tormentarla. Intanto, il compito assegnato dalla nonna, apparentemente semplice, risulta dimostrarsi una vera impresa dato che il destinatario risulta non comparire da nessuna parte. A completare le sue frustrazioni e farla precipitare a fondo ci pensa la foto di quel famoso bacio sulle copertine del giornale locale che la fanno diventare presto una piccola celebrità (La Nuotatrice). Sul punto di abbandonare Baecon per non aver concluso niente, viene trattenuta da un importante informazione che la condurrà in un'avventura che ha a che fare con la scoperta della vera identità di sua nonna...... Chi era veramente Ruth?, e che la terrà strettamente legata a quel giovane, Roy.


"Iniziavo a vedere Beacon con occhi diversi. Stava diventando quasi attraente"
"Baecon stava svelando i suoi segreti ed ero elettrizzata all'idea di esserne la destinataria."

Quando Hayden, il compagno di Ellen, verrà a trovarla nel Maine, la ragazza deve affrontare una delle decisioni più importanti della sua vita. Lasciare la tranquilla Baecon per tornare a New York o rimanere nel piccolo paesino circondata dal calore della gente godendosi le piantagioni di mirtilli?.


I miei pensieri...

Solitamente ciò che mi spinge a leggere un libro è la sua trama. Nel caso di Un amore al mirtillo, però, è la copertina gustosa ad avermi attratta come una falena è attratta dalla luce. Mi incuriosiva la combinazione dei mirtilli all'amore. Si insomma, un'idea originale che si distingue dai soliti titoli monotoni. Il "succo" della storia, per restare in tema con i mirtilli, è ben chiaro a tutti dalla breve sintesi fatta sopra, perciò occupiamoci da come è espresso il contenuto. Il libro mi ha ricordato vagamente il film "Letters to Juliet" di Gary Winick per alcune sottili somiglianze. Come, ad esempio,il fatto che entrambe le storie ruotano attorno ad una epistola e che le protagoniste si imbattono nella ricerca di una verità. La Simses ci offre una lettura sicuramente diversa dal solito riempita con ampie descrizioni che, a parer mio, fanno calare l'interesse del lettore. Infatti ricordo che interrompevo la lettura ogni volta che mi imbattevo in una di queste digressioni. Che noia!!. Non solo è stancante, ma toglie anche il ritmo alla narrazione facendoti perdere di vista il filo narrativo principale e procedere lentamente!!! Se invece siete amanti di scene intrise di particolari questo libro fa per voi.
La storia d'amore è affrontata davvero con tanta leggerezza tenendo il livello di sensualità davvero basso....anzi inesistente quasi del tutto!!. Roy, non mi ha conquistata come speravo dato che si fa vivo un po' troppo poco per i miei gusti. Una cosa positiva, del fattore descrittivo, è che il libro ti offre una completa playlist da ascoltare per poi aiutarti a rivivere la storia letta. Peccato che sia musica di anni molto remoti...salvo per due o tre tracce. Fortunatamente è presente un po' di ironia che è la causa per cui non ho abbandonato il libro. Quest'ultimo, inoltre, ti fa commuovere, o almeno per me l'ha fatto, grazie al significato racchiuso nelle epistole e per la storia tormentata di Ruth. Personalmente ho trovato più intrigante e bella la sua storia con Chet che quella di Ellen e Roy. Comunque se potessi tornare indietro non lo leggerei dato che corrisponde ben poco al mio "ideale" di libro, il quale deve essere invece schietto, divertente, scorrevole e sensuale!!! Nel complesso il mio giudizio sul libro è racchiuso in tre belle stelle d'oro!


"Mi sono innamorato di te, Ellen. La sostanza è questa. Sono innamorato di te e voglio che noi due stiamo insieme. So di poterti offrire una vita serena. So di poterti rendere felice. E' una promessa."

Colonna sonora di Un amore al Mirtillo (Keith Urban - Long Hot Summer)



In conclusione gli affido 3 dolcetti su 5

martedì 14 ottobre 2014

Rubrica: #9 Teaser Tuesday


Buondì miei piccoli lettori, come ve la passate? Ho notato che questa rubrica è stata trascurata per un sacco di tempo rimanendo ferma solo alla puntata numero 8!!!!! Qui c'è proprio da dire un bel porca paletta!. Comunque non mi arrendo e oggi la mando avanti di una puntata, è già qualcosa :'). Dunque in questi giorni sono impegnata con la lettura del libro di Valeria Luzi intitolato "Ti odio con tutto il cuore" edito della casa editrice Newton Compton. Che sia benedetta questa casa editrice che ci offre libri ad un prezzo ragionevole*-*. Apro una piccola parentesi per ripetere in che cosa consiste il "Teaser Tuesday" per chi non lo conoscesse. La rubrica, ideata dal blog Should Be Reading, consiste nel riportare lo spezzone di un libro che si sta leggendo rispettando delle regole che ora vi elencherò.

REGOLE:
- Prendi il libro che stai leggendo;
- Aprilo in una pagina a caso;
- Condividi qualche frase di quella pagina;
- La frase non deve contenere spoiler;
- Condividi il titolo e l'autore.

"Ti odio con tutto il cuore" di Valeria Luzi (pagina casuale 104/105)



Vedo comparire Emily, pallida come se avesse visto un fantasma e ho la certezza di quel che mi aspetta. "Papà corri, è arrivato Mike", lo chiama eccitata Maddi, la minore delle mie sorelle, che è cresciuta in venerazione del grande chef. Piego la bocca in una smorfia di disgusto, quando mi affaccio alla finestra che dà sul giardino e lo vedo scendere da una moto nera, togliersi il casco integrale e ravviarsi i riccioli scuri con un rapido movimento della testa. Cribbio, è talmente perfetto da farmi venire di nuovo il voltastomaco. "Ciao a tutti!", esclama sfoderando uno di quei sorrisi da bello e dannato che tolgono il fiato. Infatti Totò e tutte le donne della mia famiglia corrono a gettarsi ai suoi piedi, perfino Rebecca, che ha solo quattro anni. Zia Toni si asciuga una lacrimuccia di commozione, quando lui la raggiunge e la bacia affettuoso. Ah, vi prego, risparmiatemi queste scene patetiche! Lui è sempre stato mammone e immagino che da quando è morto il padre lo sia ancora di più. "Amore mio, siamo tutti preoccupati per quella foto. Chi è quella pazza che ha osato toccarti? Io l'ho sempre detto che tu sei troppo buono", dice sua madre preoccupata. "Ma no, tranquilla mamma, non è nessuno. Non è successo niente", la rassicura facendomi imbestialire ancora di più. "Preparati, noi ce ne andiamo", ordino imperiosa alla mia amica, mentre mi accorgo che nemmeno lei riesce a staccargli gli occhi di dosso. "Emily, smetti immediatamente di guardargli il didietro". La strattono con forza. "Cavolo, scusa", borbotta lei. "E' solo che è così... Dio, è così...", ritorna a fissarlo in estasi, cercando l'aggettivo giusto. "Non me ne frega nulla di come è il suo culo!". Mi sta proprio per partire un embolo. Ora ci si mette anche Emily. Come fa quel bastardo ad abbindolare così tutte le donne? Quando guardo di nuovo fuori vedo con orrore che sono tutti girati verso di me, con un'espressione interrogativa. Dio, ti prego, dimmi che non hanno sentito il mio grido isterico a proposito del culo ci Michael. Lui sembra avere l'aria divertita. Certo, il suo passatempo preferito è sempre stato quello di mettermi in ridicolo e c'è riuscito anche oggi, rovinando la mia riunione di famiglia.

Un libro davvero divertente!! Che ve ne pare dal Teaser?! L'avete letto o avete intenzione di farlo?
Un grosso bacio a tutti :)xx

lunedì 13 ottobre 2014

Segnalazione: "Città senza eroi" di Roberto Gerilli e Giacomo Bernini

Buon lunedì carissimi lettori! Iniziamo questa settimana con un'altra segnalazione di un romanzo fantasy di due scrittori esordienti, Roberto Gerilli e Giacomo Bernini. Il libro si intitola "Città senza eroi", pubblicato da Ute Libri. Ci viene presentato come una storia ricca di humor e di azione, i cui indimenticabili protagonisti sono costantemente ad un passo dalla salvezza della Città o dalla sua totale distruzione.


Elfi malavitosi. Uomini divorati dall'odio. Sacerdoti stravaganti. 
Maghi mercenari. E un’assassina coi tacchi a spillo. 
Non sono eroi. Sono pedine. Potrebbero salvare la Città. O distruggerla.

"Città senza eroi" è una fusione di generi: fantascienza, fantasy, thriller e pulp, in una combinazione di azione e sarcasmo.

Per maggiori informazioni visitare il sito ufficiale: http://www.cittasenzaeroi.it/
Titolo: Città senza eroi
Autori: Roberto Gerilli, Giacomo Bernini
Editore: UTE LIbri
Pagine: 316
Prezzo: 15€
ISBN: 9788867360758

TramaTra gli sterili confini delle Wasteland, le fatiscenti baracche della periferia e i futuristici grattacieli del centro, si intersecano le insidiose vicende di esseri umani ed esseri fantastici costretti a condividere le loro vane esistenze in una Città dilaniata dall’odio e dal razzismo.
Gli Uomini, favoriti dalla Legge, abusano della tecnologia per dominare gli altri esseri che, relegati nei bassifondi, sono marchiati come Inumani e perseguono, a loro volta, i più spregevoli scopi fomentando un clima di violenza e paura.
Armi, poteri extrasensoriali e ogni sorta di magia sono benvenuti e accettati laddove le speranze lasciano il posto alla più cupa rappresentanza della morte, perché in un luogo dominato dalle Leggi, sembra non esserci spazio per alcuna moralità. In questa polveriera sociale si sviluppano le vicende di molti personaggi, per altrettante storie, intrecciate in una trama eterogenea di volti, fatti, pensieri ed emozioni.
Città senza eroi è un intreccio di storie ma, soprattutto, una fusione di generi letterari: fantascienza, fantasy, thriller e pulp, in un condensato di azione e sarcasmo che coinvolge, diverte e appassiona. Una storia priva di stereotipi e priva di eroi.

Informazioni sugli autori 
Roberto Gerilli, nato ad Ancona nel 1980, laureato in Ingegneria Elettronica, vive da sempre a Falconara Marittima. Appassionato di letteratura, cinema e serie tv,  è membro dello staff di Speechless Magazine e Diario di Pensieri Persi. Ha pubblicato diversi  racconti in varie antologie cartacee e digitali.

Giacomo Bernini, nato a Venezia nel 1983, laureato in Ingegneria Informatica, oggi lavora a Falconara Marittima. È stato premiato in alcuni concorsi per racconti di genere fantastico. Nel 2013 ha vinto il concorso Chrysalide  Emozioni in Metamorfosi – sezione Urban Fantasy, indetto dalla Mondadori.

Ulteriori Info:
 "Cover del libro realizzata da Petra Zari sulla base dell'illustrazione originale di Claudia Cocci"

Che ve ne pare? Ci farete un pensierino?
Per oggi è tutto fanciulli. Vi auguro una buon inizio settimana.
Baci:)xx