martedì 6 settembre 2016

Rubrica: #21 Teaser Tuesday


Buondì booklovers, dopo l'acquazzone insistente di ieri sera, qui a Roma è tornato un po' di sole, anche se devo dire non fa proprio caldissimo. Questa mattina sono sola solina soletta dentro casa che senza la mia famiglia sembra essersi trasformata in una dimora enorme e intimidatoria. Fortunatamente ci sta il giardiniere della casa accanto che mi aiuta a combattere questa triste solitudine e ovviamente ci siete voi... ❤ Come ogni martedì, tocca oggi al Teaser intrattenerci. Il protagonista di questa puntata è il romanzo "Torna da me" di Mila Gray. Non vedo l'ora di recensirlo perché mi sta piacendo veramente tanto, ma non dico altro per paura di ricredermi.

Questa rubrica è stata ideata dal blog Should Be Reading

REGOLE:
- Prendi il libro che stai leggendo;
- Aprilo in una pagina a caso;
- Condividi qualche frase di quella pagina;
- La frase non deve contenere spoiler;
- Condividi il titolo e l'autore.

"Torna da me" di Mila Gray

 
Suonano il campanello. Sobbalzo. Ma resto dove sono, paralizzata a metà della rampa di scale. Se non apro, magari se ne va. Forse non succederà niente. Ma il campanello suona ancora. E sento dei passi sul pianerottolo sopra di me. La voce di mia madre, assonata e confusa. "Jessa? Chi è? Cosa fai lì impalata?". Poi vede. Guarda dalla finestra e la sento trattenere il respiro, sento il "no" soffocato che balbetta. Anche lei sa che un'auto militare sotto casa alle sette del mattino può significare solo una cosa. Mi volto verso di lei. Si copre la bocca con le mani. In camicia da notte, spettinata, pallida, sembra che abbia visto un fantasma. Anzi, sembra un fantasma. Il campanello suona per la terza volta. "Vai ad aprire, Jessa" dice con una voce che non è la sua. Mi spaventa abbastanza da indurmi a scendere le scale. All'improvviso mii sento più calma, come se galleggiassi al di fuori del mio corpo. Non sta succedendo davvero. Non è reale. E' solo un sogno. Mi ritrovo di fronte alla porta. Giro il chiavistello. Apro. Kit. Riley. Kit. Riley. I loro nomi mi vorticano in testa come uccelli predatori in un immacolato cielo azzurro. Kit? Riley? Chi dei due? Il padre di Kit, con indosso la sua uniforme con le mostrine da cappellano, è venuto a dirci che è caduto in battaglia mio fratello o che è caduto in battaglia suo figlio, il mio fidanzato?


Nessun commento:

Posta un commento

Il vostro pensiero è importante ◕‿◕
Lasciate un commento e vi risponderò con piacere ❤