giovedì 23 febbraio 2017

Recensione: "Amore, zucchero e caffè" di Daniela Sacerdoti

Scrittrice: Daniela Sacerdoti

Titolo: Amore,zucchero e caffè

Genere: Contemporary Romance

Serie: Autoconclusivo

Numero Pagine: 288

Costo: 3,99 / 9,90 €

Casa Editrice: Newton Compton

Prima Edizione: 19 Gennaio 2017

Narrazione: Prima persona, pov multipli (Margherita, Torcuil, Lara)

Giudizio personale: 4 / 5
Dall'autrice del bestseller Se stiamo insieme ci sarà un perché

Il matrimonio di Margherita sta andando a rotoli. Rimanere incinta dopo averci provato per tanto tempo è stata una sorpresa favolosa per lei, ma non per il marito. Quando ne ha più bisogno, si rende conto che lui non c’è. E allora Margherita decide di prendersi del tempo per se stessa, per capire dove stia andando il suo matrimonio. Lascia quindi Londra per trascorrere l’estate a Glen Avich, il posto in cui sua madre e il patrigno gestiscono un caffè. Ha bisogno di uno stacco per riallacciare il rapporto con la figlia Lara e dare una svolta alla propria vita. Ma Glen Avich può avere uno strano effetto sulle persone… Quando inizia a lavorare per Torcuil Ramsay, tutto comincia a cambiare. Margherita percepisce che il suo cuore si sta risvegliando, nonostante non lo credesse possibile. Quando finalmente sta cominciando a capire chi è davvero, si trova di fronte a una scelta che potrebbe mettere in discussione tutto. E per prendere la decisione giusta le servirà molto coraggio...
Buonasera Readers <3
la settimana sta giungendo al termine e io, ovviamente, ho aspettato questi ultimi giorni per ammalarmi. Ho crampi addominali pazzeschi, tanto da fare fatica a stare dritta, e una sensazione di debolezza in tutto il corpo. Speriamo che mi passi subito. Così, in preda agli spasmi, sono qui tra di voi per parlarvi di un altro sorprendente e bellissimo romanzo made in Italy di Daniela Sacerdoti, intitolato Amore, zucchero e caffè. Non conoscevo quest'autrice e devo dire che questo primo incontro è stato molto più che positivo. Siete pronti a tuffarvi nella magica e straordinaria cittadina di Glen Avich e conoscere la storia di Margherita e Torcuil? Allora, procedete nella lettura.


Margherita e Ash sono sposati da parecchi anni e dopo aver provato inutilmente ad avere un figlio decidono di adottare Lara, una ragazzina di sei anni che ne ha passate veramente troppe per la sua giovane età. Quando miracolosamente Margherita rimane incinta però, Ash invece di esserne entusiasta ne rimane turbato a tal punto da trascurare sia la moglie che i due bambini. Così, Margherita decide di prendersi una pausa dal suo matrimonio, di allontanarsi da quell'uomo che faticava a riconoscere. Per le vacanze estive decide di partire con Lara e Leo e di raggiungere la madre a Glen Avich, in Scozia, per poter riuscire a dare un nuovo inizio a tutti quanti e di proteggere i suoi figli da altro dolore. Glean Avich, questa misteriosa e incantevole cittadina, si rivela essere piena di piacevoli sorprese per tutti. Il piccolo Leo riesce a ricevere finalmente tutte le attenzioni che il padre si rifiutava di dargli dalla nonna, Lara sembra aver dimenticato tutti i problemi e tutta la rabbia che si portava dentro da Londra, oltre a fare un incontro molto interessante che le farà provare sensazioni molto forti, e  Margherita, grazie all'appoggio della mamma, riesce a dedicarsi a ciò che le piace fare di più al mondo, ovvero cimentarsi in cucina e sperimentare nuove ricette. Inoltre, la giovane mamma decide di tornare in pista e riesce a trovare un lavoro nella residenza di Ramsey Hall, un'imponente fortezza abitata da un uomo misterioso di nome Torcuil. Margherita con il passare del tempo rimane sempre più affascinata da Glen Avich, dal mistero di Ramsey Hall e da Torcuil stesso. Anche lui comincia a nutrire un sentimento per Margherita, ma è consapevole che dopo l'estate tornerà a Londra e lui non vuole soffrire nuovamente.
Ho deciso di iniziare questo libro perché volevo buttarmi su qualcosa di nuovo e la storia di Margherita mi sembrava molto promettente. Senza contare che la copertina del libro è veramente deliziosa*-*. Sono rimasta sorpresa perché credevo di trovarmi davanti ad un Contemporary Romance, mentre invece nel libro è presente anche un pizzico di paranormale. Ma non voglio svelarvi nulla di più. La narrazione si articola attraverso tre punti di vista: quello di Margherita, punto di vista prevalente, quello di Torcuil (che razza di nome è ? >.<) e quello di Lara manifestato attraverso la sua Kitty, un diario personale. Il libro inizialmente non mi aveva coinvolta più di tanto perché trovavo la narrazione troppo frettolosa e sbrigativa. Andando avanti ed entrando nel vivo della storia però, mi sono sempre più appassionata alla vicenda di questa giovane mamma. E' stato bellissimo leggere il suo rapporto con Lara e Leo, di questo suo amore così immenso e dolce, e la sua determinazione nel salvare il matrimonio per il bene dei propri figli. Quando la storia sposta l'attenzione da Londra a Glen Avich, il ritmo della narrazione ne risente notevolmente, ritrovandoti a scorrere le pagine una dietro l'altra, grazie anche alla curiosità del mistero che avvolge la dimora di Ramsey Hall. E' stato un bellissimo racconto sulla possibilità di ricominciare, di essere nuovamente felici, e sulla forza di lasciarsi il passato alle spalle. E' un libro che consiglio a tutte voi. L'unico punto nero di questo romanzo è la poca sensualità tra Margherita e Torcuil, che tra l'altro l'ho trovato a mio parere troppo timido. Non dico che avrei voluto leggere cose alla Cinquanta sfumature di grigio, per carità, però qualcosina in più avrebbe rafforzato ancora di più il legame tra questi due protagonisti. A parte questo, rimane una lettura favolosa e intrigante quindi non vedo alcun motivo per non consigliarvela.

   
            
    
Livello di sensualità: 1/5
Livello di umorismo: 2/5
Finale: No Cliffhanger


domenica 19 febbraio 2017

Pokémon Go: 2° generazione e tantissime novità per il gioco della Niantic


Buona domenica care e cari Readers <3
come sapete il mio blog nasce fondamentalmente per parlare di libri e di tutto ciò che riguarda il loro mondo. Tuttavia, a volte mi piace allargarmi e parlare di tante altre cose. E qui veniamo al post di oggi. In questa noiosa e fredda domenica di febbraio voglio far uscire la nerd che è in me e parlarvi di Pokémon Go. Sì, lo so: "Non ce ne hai già parlato?!" vi starete chiedendo. E la risposta è si. Ma prima che chiudiate il post è passiate a qualcos'altro -di sicuro più interessante- da vedere, lasciatemi almeno introdurre di cosa si tratta. Premetto dicendo che a chi non dovesse piacere il gioco, qui non troverebbe niente di interessante da leggere e quindi è giusto anticiparvi. Tornando a noi. Oggi voglio parlarvi dell'ultimo aggiornamento di Pokémon Go che ha introdotto nel gioco ben 80 nuovi pokémon e tante altre interessanti e bellissime funzioni che vi andrò ad elencare qui di seguito. Pronti? Partiamo subito...


Dal momento del suo debutto, Pokémon Go è stato -e continua ad essere- un fenomeno che ha interessato tutto il globo per la sua originalità e interattività. Come tutti i giochi però, l'entusiasmo iniziale che aveva accompagnato il lancio dell'app è andato via via a scemare. Non c'era nulla di nuovo e i pokèmon erano sempre gli stessi. Ebbene, questa situazione di sconforto per i giocatori è giunta al termine. La Niantic, con il suo ultimo aggiornamento, ha finalmente inserito la 2° generazione di pokèmon che ne conta circa 80 (Pokèmon Oro / Argento). Inoltre, sono state aggiunte opzioni di cattura e altre cosine che renderanno la vostra esperienza con Pokemon Go il più eccitante possibile.

"Non c'è più tempo per la noia. Ripescate i vostri smartphone e ributtatevi in pista: Chikorita, Totodile e tanti altri pokèmon vi stanno aspettando la fuori".



Il nuovo update, oltre alle nuove specie di animaletti/mostriciattoli, vedrà anche le seguenti funzioni:

-  NUOVE EVOLUZIONI - nei Pokèstop verranno rilasciati nuovi oggetti utili per far evolvere alcuni tipi di pokèmon.

- NUOVE ESCHE - Oltre alla baccalampon, saranno introdotte le Baccabana e le Baccananas. Le prime serviranno a rallentare i movimenti dei pokémon selvatici permettendo una cattura più semplice. Le seconde, invece, daranno più caramelle se la cattura avrà successo!!



- NUOVI AVATAR - Sono stati introdotti nuovi look che vi permetteranno di dare al vostro avatar un aspetto completamente nuovo.

- NUOVO GAMEPLAY DEGLI INCONTRI - E' stato modificato lo scenario di cattura, permettendovi di selezionare Pokè Ball e bacche direttamente dalla schermata principale.


Nonostante questi importanti cambiamenti, manca ancora all'appello la possibilità di sfidarsi tra i giocatori e di scambiarsi i pokémon. Comunque, noi siamo fiduciosi. Intanto godiamoci queste bellissime novità <3

giovedì 16 febbraio 2017

Venghino signori venghino, Giveaway realizzato dalla nostra Marti de "Il Rumore delle Pagine"

Buongiorno, o forse dovrei dire... buon pomeriggio a tutti voi Readers <3
Oggi vi scrive una Nicky molto stanca, affaticata e che non riesce a tenere gli occhi aperti dopo aver passato giorni rinchiusa a casa a studiare. Ringraziando Dio, domani terminerà questo supplizio e potrò tornare a fare quello che mi piace di più al mondo, ovvero leggere e scrivere scemenze sul mio blog eheh. Tuttavia il post di oggi non potevo proprio non farlo visto e considerato che si tratta di un nuovo Giveaway in circolazione.


La dolce Marti del blog Il Rumore delle Pagine ha deciso di lanciare il suo primo giveaway nel giorno di San Valentino. Si tratta di un giveaway molto ricco di premi e, soprattutto, ci saranno ben 9 vincitori!!! Ho promesso a Marti che le avrei fatto una grossa pubblicità, quindi vi pregherei di non farmi sfigurare e di correre a iscrivervi subito al giveaway (pefavoooole *occhi da cucciolo*)!!!


Anche perché i libri in palio sono davvero interessanti e le romanticone come me avranno pane per i loro denti. Non mi resta altro da fare che reindirizzarvi al link in questione del blog e di mandarvi una vagonata di baci per la vostra attenzione :* <3

Blog di Marti----->  Il Rumore delle Pagine
Giveaway-----> Qui

mercoledì 15 febbraio 2017

Recensione: "Ti amo per caso" di Brittainy C. Cherry

Scrittrice: Brittainy C. Cherry

Titolo: Ti amo per caso

Genere: Contemporary Romance

Serie: Elements Series#1

Traduzione: Maria Grazia Perugini

Numero Pagine: 320

Costo: 2,99 / 9,90 €

Casa Editrice: Newton Compton

Prima Edizione: 19 Dicembre 2016

Narrazione: Prima persona, pov alternati (Elizabeth/Tristan)

Giudizio personale: 5 / 5
Dall’autrice del bestseller L’amore arriva sempre al momento sbagliato

Elements Series

Tra Colpa delle stelle e Ti prego lasciati odiare

Un successo clamoroso che arriva dagli Stati Uniti
Migliaia di recensioni entusiastiche

Hai presente quello spazio che c’è tra un incubo e un bellissimo sogno? Quando il domani non arriva mai e il passato non fa più male? Sì, proprio dove il mio cuore batte allo stesso identico ritmo del tuo, il tempo non esiste ed è facile respirare? È lì che voglio vivere con te».
Mi avevano messa in guardia su Tristan Cole.
«Stai lontana da lui», mi diceva la gente. «È crudele». «È freddo».
È semplice giudicare un uomo dal suo passato. Troppo facile guardare Tristan e vedere un mostro. Ma io non potevo farlo. Ho riconosciuto il male che si portava dentro, perché era simile a quello che viveva in me. Eravamo due persone svuotate. Entrambi alla ricerca di qualcosa di diverso. E insieme abbiamo deciso di provare a riunire i frammenti del nostro passato. Poi, forse, avremmo potuto finalmente ricordarci di respirare…

Ma saaaaaalve miei cari Readers <3
in questi giorni sono stata un disastro come blogger. Ho mancato il consueto appuntamento del martedì con la rubrica Teaser Tuesday ed è da ben tre giorni che non metto piede nella blogosfera. Mi dispiace taaaanto. Mi farò perdonare questa sera dedicando un po' di tempo a tutte voi <3. Nel frattempo vi voglio parlare del libro Ti amo per caso di Brittainy C. Cherry. L'autrice la conoscevo già grazie al suo primo romanzo pubblicato dalla Newton Compton editori, L'amore arriva sempre al momento sbagliato che mi ha lasciato in completa adorazione per questa talentuosa scrittrice di YA e NA. Sono contenta di aver letto anche questo libro perché è stato, se è possibile, migliore del precedente. Il libro apre la Elements Series e ci parla della storia di Tristan e Elizabeth, due personaggi afflitti dalla vita, la quale ha tolto loro tutto ciò che di più caro avevano al mondo. Tristan e Elizabeth sono segnati da un profondo dolore che li tormenta da più di un anno e che non li permette di ricominciare a vivere. Quando il destino li  fa incontrare in una piccola cittadina, la stessa pena di cui soffrono li farà avvicinare l'una all'altro. Solo loro possono capire il peso del tormento che li affligge e cercano in tutti i modi di ancorarsi ai ricordi, usandosi a vicenda. Ben presto però si rendono conto che questa strada intrapresa, invece di alleviare le ferite le incide ancora più a fondo aumentando il loro malessere. Abbandonato il loro sistema di far fronte al dolore, non gli rimane altro da fare che sostenersi a vicenda.


"Tutti mi avevano messo in guardia, pregandomi di stare alla larga da Tristan. "E' un idiota, è fuori ed è ridotto a pezzi, Liz", dicevano. "Quell'uomo si porta addosso le terribili ferite del suo passato", giuravano. Però non vedevano, anzi ignoravano il fatto che anche io fossi un po' fuori, un po' pazza e completamente a pezzi. Ero, nel migliore dei casi, merce fallata. Quando stavo con lui però, almeno mi ricordavo di respirare."

Non ci sono parole per descrivere questo libro se non bellissimo, struggente e intenso. E' stata una lettura molto impegnativa dal punto di vista emotivo. Siamo messi subito davanti a queste due strazianti realtà che ti fanno venire le lacrime agli occhi. La scrittrice usa uno stile chiaro, con cui riesce a far trapelare al meglio ogni sensazione. E' scritto bene ed è molto coinvolgente anche grazie a inaspettati colpi di scena. Attenzione, qui niente è dato per scontato!  Diciamo anche che oltre alla sofferenza nel romanzo c'è anche una dolce storia d'amore, collaudata da momenti molto hot, e un pizzico di ironia che alleggerisce un po' il tutto. In sostanza mi è piaciuto molto come libro e quest'autrice rimane per me una certezza.

      


Livello di sensualità: 4/5
Livello di umorismo: 3/5
Finale: No Cliffhanger




giovedì 9 febbraio 2017

Sanremo 2017! Tutto quello che penso...


Tutti amano SANREMO

Buonasera miei cari Readers <3
Ho il cervello in pappa e temo che da un momento all'altro mi scoppierà la testa a causa delle tante ore di studio. Non ne posso piuuuuuuuuù! Il bello è che quando finirà tutto questo non avrò neanche il tempo di respirare un pochino che già subito riprenderanno le lezioni >.<.


Ok, dopo questo piccolo sfogo sono pronta a cominciare il mio sproloquio u.u. Il sermone che vi sorbirete questa sera (i temerari ehe), avrei voluto propinarvelo già l'altro giorno, in concomitanza con la prima puntata del Festival. Tuttavia ho scelto di rimandarlo a stasera in modo tale da poter esprimere la mia opinione, dopo aver ascoltato tutte e 22 le canzoni dei nostri big. Intanto, vi sta piacendo a voi questa 67° edizione? A me la prima puntata mi ha lasciata veramente soddisfatta. Mi è piaciuta tantissimo già dall'inizio quando hanno fatto vedere tutte le precedenti edizioni di Sanremo e subito dopo è entrato Tiziano Ferro per cantare la canzone Mi sono innamorato di te in onore di Luigi Tenco. Mi sono commossa, ecco tutto. E solo dopo i primi 20 minuti!!!. Poi la serata è andata avanti per il meglio con super ospiti come i Clean Bandit, Ricky Martin e con la tenera presenza di Raoul Bova. Anche i momenti comici mi sono piaciuti molto con Maurizio Crozza e la sua satira. Insomma, la prima puntata di Sanremo è stata spettacolare con ben 11 milioni di telespettatori e uno share oltre al 50%.
La puntata di ieri pure è stata stupenda grazie a tante altre sorprese, come la magnifica presenza di Robbie Williams, Keanu Reeves e Francesco Totti (lo dico da interista ehe). Parlando delle canzoni in gara devo dire che ce ne sono alcune che hanno catturato il mio interesse, come Che sia benedetta di Fiorella Mannoia (vi giuro, mi ha fatto venire la pelle d'oca questo brano), Tutta colpa mia di Elodie e Spostato di un secondo di Marco Masini. Anche la canzone di Gigi D'Alessio non mi è dispiaciuta. Non so il perché di tutto questo accanimento contro il cantante napoletano. Io trovo che abbia una voce molto dolce e mielosa *W*. Voi avete qualche canzone che preferite al momento? Mi è dispiaciuto vedere il nome di Giusy Ferreri tra quelli a rischio. Mi chiedo la gente su cosa si basi, bah. Conclusioni? Un Festival che si sta dimostrando capace di intrattenere con comici, star internazionali, personaggi del mondo dello spettacolo e ovviamente anche grazie alla presenza di due conduttori dotati come Carlo Conti e Maria De Filippi. La partecipazione della regina di casa Mediaset al Festival (che ha ricevuto pure un bacio da Robbie Williams) mi ha sorpreso un po', ma l'ho apprezzata dato che io adoro questa donna ehehe.


Una nota storta in questo scenario di perfezione è la troppa, troppissima pubblicità >.< Ormai mi è entrato in testa il balletto della TIM haha. Poi un'altra cosa...solo io sto notando l'assenza del maestro Beppe Vessicchio?!?! Dove è finito??? Lui è l'anima del Festival ahah.
Readers, e voi casa mi dite di questo Festival? Fatemi un po' sapere nei commenti cosa ne pensate e se c'è una canzone in particolare che vi sta piacendo <3.
Nel frattempo, io mi vado a vedere la terza puntata di Sanremo con la serata Cover, in attesa di  vedere Mika *-*!!!

mercoledì 8 febbraio 2017

Recensione: "Il mio segreto più dolce" di Adelia Marino

Scrittrice: Adelia Marino

Titolo: Il mio segreto più dolce

Genere: New Adult

Serie: Dimmi che ci sei#2

Numero Pagine: 192

Costo: 2,99 €

Casa Editrice: Newton Compton

Prima Edizione: 25 Gennaio 2017

Narrazione: Prima persona, pov Joey ( Alcuni cap. pov Tom)

Giudizio personale: 4 / 5
Dall'autrice del bestseller Ogni giorno per sempre

Joey e Tom si conoscono fin da quando sono bambini. Si perdono di vista quando Joey e la sua famiglia partono per la Svizzera e si ritrovano anni dopo: Joey è un'adolescente, mentre Tom è quasi un uomo. Joey se ne innamora perdutamente. Il destino però li allontana dopo poco, quando Eric, migliore amico di Tom e fratello di Joey, se ne va via di casa. Ma anche quando si incontrano di nuovo, le cose non sono facili. Perché Tom non ama le relazioni né crede nell'amore. Eppure gli occhi di Joey lo fanno vacillare…

Ma saaaaaalve miei cari Readers <3
vi siete visti ieri sera la prima puntata del Festival di Sanremo? A me è piaciuta veramente tanto e quando è entrato Tiziano Ferro ho sbavato letteralmente :Q_ Inoltre l'accoppiata di conduttori Maria De Filippi e Carlo Conti mi sembra molto affiatata. Bene, bene, vedremo come procederà.
Oggi vi voglio parlare di un fantastico libro made in Italy di un'autrice che ho avuto il piacere di conoscere già grazie al suo primo romanzo, Ogni giorno per sempre. Dopo l'appassionante storia di Landon e Haley, l'autrice torna per parlarci questa volta di Tom e Joey, ossia i rispettivi migliori amici che abbiamo già visto e conosciuto nel libro precedente e che avevano già dimostrato un interesse reciproco. Ma entriamo più nel dettaglio nella storia. Joey è innamorata fin da bambina del migliore amico di suo fratello, Tom. Non può fare a meno di pensarci nonostante sia consapevole di non avere nessuna possibilità, essendo semplicemente la ragazzina che l'ha vista crescere. Tom è quel tipo di ragazzo che può avere qualsiasi ragazza desideri, con la sua aria da duro tutto tatuato, e per di più non è assolutamente intenzionato ad incastrarsi in una relazione. Nel cuore porta un dolore talmente grande da aver rinunciato a quel sentimento da tempo. Sciocco da parte di Joey perderci tempo, no? Eppure non riesce a farsene una ragione e, quando è costretta a lasciare la casa dei genitori per non andare a Yale, trova asilo proprio a casa del ragazzo che deve a tutti i costi levarsi dalla testa. E cosa succede quando si è costretti a vivere sotto lo stesso tetto della persona che desideriamo con tutta l'anima? Si rischia di cedere ad un sentimento pericoloso con il rischio di scottarsi.


La scrittrice non si è smentita neanche questa volta, regalandoci una storia romantica, gradevole e per niente noiosa. Lo stile è così sciolto e leggere che ti porta a divorare il libro in un paio d'ore. I personaggi sono ben delineati, come lo erano del resto Landon e Haley. Sono abbastanza soddisfatta di questa lettura, ma (c'è un ma ehe) sono rimasta meno coinvolta rispetto all'altro romanzo. E' un mio parere soggettivo, non è legge sia chiaro. Forse perché le storie alla fine sono "uguali", due tatuatori bellissimi che lavorano nello stesso negozio e che si innamorano di due ragazze tranquille. Inoltre, il finale un po' mi ha indispettita. L'ho trovato un po' frettoloso, come se mancassero dei capitoli per concludere veramente la storia. Ti lascia con delle questioni in sospeso che tu, arrivata ad un certo punto, pretendi di sapere u.u. Per il resto l'ho adorato lettori, quindi mi sento in super dovere di consigliarvelo. Ovviamente dopo aver letto il primo eheh.



Livello di sensualità: 3/5
Livello di umorismo: 3/5
Finale: No Cliffhanger


lunedì 6 febbraio 2017

Recensione: "Cenerentola pop" di Paula Pimenta

Scrittrice: Paula Pimenta

Titolo: Cenerentola pop

Genere: Young Adult

Serie: Autoconclusivo

Traduzione: Clelia Bettini

Numero Pagine: 163

Costo: 6,99 / 14,37 €

Casa Editrice: Electa Young

Prima Edizione: 2016

Narrazione: Prima persona, pov Cintia

Giudizio Personale: 4 / 5
I tempi cambiano, ma la magia di una storia rimarrà sempre la stessa.

Fredy Prince è il cantante più famoso tra le adolescenti: tutte ne parlano, tutte lo desiderano, ma per fare breccia nel suo cuore non basta certo presentarsi a un suo concerto con indosso un abito da principessa. Durante una festa, Fredy fa la conoscenza di Cintia, una ragazza acqua e sapone con la passione per la musica che dopo la scuola lavora come dj. Poche parole e tra i due scocca la scintilla, ma Cintia a mezzanotte deve lasciare la festa, e le strade dei due ragazzi sembrano destinate a dividersi per sempre. Finché spuntano una scarpa abbandonata e alcuni post sul profilo Twitter di Fredy, pronto a tutto pur di ritrovare la sua Cenerentola pop. Tra sorellastre invidiose, una perfida matrigna e un padre severo, per la povera Cintia non sarà facile incontrare di nuovo il suo principe azzurro, ma a volte i sogni si realizzano. 

«Cenerentola pop... non ho potuto neppure salutarti... sei sparita allo scoccare della mezzanotte!»

Buongiorno e buon inizio settimana a tutti Readers <3
Dato che il lunedì è un giorno pesante per tutti quanti, sia per chi torna a scuola e sia per chi torna a lavoro, ho deciso di iniziare la settimana in modo molto leggero, regalandovi una recensione fresca e spensierata da far testa ai lunedì più opprimenti.
Il libro di cui vi sto per parlare è Cenerentola Pop di Paula Pimenta, un'autrice brasiliana. Avanti, alzi la mano chi da bambina ha guardato almeno una volta il cartone Disney di Cenerentola sognando il principe azzurro a occhi aperti. Accidenti, proprio tutte, vero? La storia che ci racconta l'autrice in pochissime pagine, è la famosissima storia di Cenerentola che conosciamo tutti. Paula Pimenti rispolvera un grande classico e lo anima con protagonisti molto diversi dai personaggi Disney. Il libro mi è sembrato un po' una via di mezzo tra Cinderella Story, film con Hilary Duff, e Another Cinderella Story, interpretato invece da Selena Gomez. Cintia è una ragazza normalissima con la passione per la musica che si divide tra la scuola e il lavoro da Dj la sera. Dopo aver assistito al divorzio dei genitori si è costruita una corazza, promettendo a se stessa di non lasciarsi abbindolare dall'amore. Quando una sera si trova però a parlare con Fredy, il cantante idolo delle ragazzine brasiliane, Cintia non può far a meno di sentire il cuore battere ad un ritmo più veloce contro ogni sua aspettativa, fino a quando, allo scoccare della mezzanotte, deve congedarsi. Tra una matrigna perfida, delle sorellastre cattive e un padre autoritario, Cintia, con l'aiuto della zia, della mamma e della migliore amica Lara, dovrà arrivare al cuore di Fredy e riprendersi la sua "scarpetta di cristallo". Con uno stile molto delicato, la scrittrice da vita ad un libro leggero e dolce, evitando ti trascurare ogni particolare della fiaba. Abbiamo la matrigna, le sorellastre, la fata madrina, qui interpretati dall'insieme di tre personaggi: la mamma, la zia e Lara, la ricerca disperata dalla parte del "principe" della sua Cenerentola e, per concludere, la famigerata scarpetta di cristallo che questa volta si riduce ad essere semplicemente una All Star. In questo libro non troverete niente di nuovo rispetto a quello che già sapete sulla fiaba e neanche gli elementi aggiuntivi messi in campo dalla scrittrice sono originali, ma sono cliché visti e rivisti, come ad esempio la figura del cantante famoso che si innamora perdutamente della ragazza tranquilla e invisibile della scuola. Quindi, ragazze mie, vi consiglio questo libro se avete voglia di rilassarvi, di rivisitare una bella fiaba che ha caratterizzato l'adolescenza di tante bimbe e che continua a farlo tutt'ora, se volete fare un piccolo "break" dalle vostre letture con un libro che, comunque, è capace di regalare qualche sospiro.



Livello di sensualità: 1/5
Livello di umorismo: 2/5
Finale: No Cliffhanger

venerdì 3 febbraio 2017

Recensione: "Questo piccolo grande errore" di Viviana Leo

Scrittrice: Viviana Leo

Titolo: Questo piccolo grande errore

Genere: Contemporary Romance

Serie: Autoconclusivo

Numero Pagine: 256

Costo: 3,99 / 5,90 €

Casa Editrice: Newton Compton

Prima Edizione: 17 Gennaio 2017

Narrazione: Terza persona

Giudizio Personale: 5 / 5
Dall’autrice del bestseller Sei solo mio

Lucy è una ragazza insicura, cicciottella e piena di complessi. Una sera, uscita da una discoteca, entra per gioco nello studio di un mago insieme alla sua migliore amica. Ed è così che l’incantesimo ha inizio… La mattina dopo Lucy si ritrova a letto con Steven Darrin, attore famoso e bellissimo, di cui lei è una grande fan. Lui è spaesato: come è finito lì? E cos’è quel filo rosso che li lega e resiste a qualsiasi tentativo di essere tagliato? Liberarsi è impossibile, anche stando alle parole del mago. E così, intrappolati da quel filo che solo loro vedono, i due partono per New York, dove Steven sta girando un film. Per una star del cinema come lui, portarsi sempre appresso una ragazza è una vera tortura, ma pian piano il bell’attore si accorge che Lucy è diversa dalle donne a cui è abituato: non è attenta al trucco e all’abbigliamento, non è ossessionata dalla linea... Che ci sia qualcosa, in quella ragazza dalle curve morbide, capace di attrarlo?

Lui è un attore bellissimo. Lei una ragazza che passa inosservata. La magia di un mago però li ha legati… E la vicinanza forzata a volte può riservare piacevoli imprevisti…


Buonasera miei cari Readers <3
Il fine settimana è alle porte e non poteri essere più felice. Ho un sacco di lavoro da finire e tantissime recensioni da postare, quindi userò questi due giorni di relax (si fa per dire xD) per portarmi avanti. Come potete vedere, ho apportato delle modifiche estetiche nel presentare le recensioni che spero tanto vi piacciono. A me fanno impazzire, ma ovviamente sono di parte avendoci lavorato per quasi un giorno intero ehehe. Comunque, come ho detto prima, ho un bagaglio pesante di lavoro e vorrei cominciare subito ad alleggerirlo parlandovi di un libro (e che libro) che mi ha sorprendentemente colpito. In maniera positiva, ovvio. Quando ti trovi a dover parlare di un libro che ti è piaciuto, la difficoltà sta nel riportare esattamente tutto quello che vuoi dire, nel modo più soddisfacente possibile, da spingere i lettori a cimentarsi nella lettura. Spero tanto di farvi incuriosire con le mie parole perché... beh, perché altrimenti sarebbe un vero peccato :P


Non conoscevo Viviana Leo prima di questo romanzo, un errore gigantesco da parte mia perché la scrittrice mi ha incantata con il suo modo di scrivere. Ho letto ogni singola pagina con avidità, grazie ad una narrazione fluida e ironica, sperando di non arrivare mai alla fine. La storia è raccontata in terza persona e parla di Lucy, una ragazza cicciottella e insicura nel quale tutte noi possiamo immedesimarci (finalmente una ragazza bel lontana dai comuni stereotipi), che una mattina, dopo aver sfidato e indispettito un bizzarro stregone, si ritrova legata, attraverso un filo rosso, al suo attore preferito, Steven Darrin. Spezzare questo legame è impossibile, così come è impossibile mischiare due realtà così diverse tra loro, due persone che non hanno niente a che fare l'una con l'altra, ma che per magia non si possono separare. Ho riso come una matta. Lucy è un personaggio fantastico, praticamente senza filtri che mi ha intrattenuto come poche. Altro che protagoniste complessate e belle da mozzar il fiato. La nostra dolce e genuina Lucy le travolge tutte con un tir in corsa. Steven è un playboy con i controcaz.. ops, dicevamo... è un personaggio che è abituato ad ottenere tutto a qualunque costo, comprese le belle donne. Due protagonisti completi con una parlantina vivace. I loro scontri sono carichi di sarcasmo, di ironia e .. ovviamente di tensione sessuale. Un romanzo esuberante, divertente, vi giuro non ho mai riso così tanto. 

Si allontanò di scatto da lei con un'espressione incredula dipinta sul volto.
"Ahi! Ma che diamine...". Si toccò le labbra e notò del sangue sulle dita. Lucy l'aveva morso!
"Così impari a circuire una signora".
Sul volto di lei un sorriso soddisfatto.
"Non tutte ti desiderano, Steven. Io, per esempio, se permetti, preferisco tornare alle mi tartine".

Un bel peperino la nostra Lucy non trovate? E questo è solo un assaggio di quello che troverete all'interno di questo scoppiettante romanzo. La vera magia l'ha realizzata l'autrice dando vita ad una storia che, seppur inverosimile (puuuurtroppo), ha tutte le carte in regola per regalare al lettore ore piacevoli e di lasciare che i sogni prendano il sopravvento.





Livello di sensualità: 2/5
Livello di umorismo: 5/5
Finale: No Cliffhanger

mercoledì 1 febbraio 2017

Recensione: "Flower" di Elizabeth Craft & Shea Olsen

INTRODUZIONE
Scrittrice: Elizabeth Craft & Shea Olsen
Titolo: Flower
Genere: Young Adult
Serie: Autoconclusivo
Numero Pagine: 288
Costo: 4,99 / 7,42 €
Casa Editrice: Newton Compton
Prima Edizione: 2 Gennaio 2017
Narrazione: Prima persona, pov Charlotte
Giudizio Personale: 3 dolcetti su 5

TRAMA

Il caso editoriale dell'anno

Un successo mondiale

Charlotte vive con la nonna ed è una ragazza con la testa sulle spalle: bravissima a scuola, lavora in un negozio di fiori per pagarsi gli studi e nel tempo libero si prepara per l’ammissione alla prestigiosa università di Stanford. È molto concentrata e non si concede distrazioni, niente uscite serali e soprattutto niente ragazzi: la sua più grande paura è infatti quella di fare la fine di tutte le donne della sua famiglia, che hanno rinunciato a seguire le proprie aspirazioni a causa dell’amore. Una sera, all’ora di chiusura, entra nel suo negozio un misterioso e affascinante cliente, ombroso ma gentile, che le fa strane domande. Nonostante ne rimanga colpita, Charlotte è sicura di non rivederlo mai più… E invece la mattina dopo le viene recapitato in classe un mazzo di rose purpuree, i suoi fiori preferiti. A mandarglieli è stato proprio Tate, il ragazzo della sera prima, che inizia a corteggiarla in modo molto discreto ma deciso. Charlotte, dopo le resistenze iniziali, decide di uscire con lui per una sola sera. Ma appena fuori dal ristorante vengono assaliti da folla di paparazzi che grida il nome di Tate… Chi è davvero quel misterioso ragazzo e cosa nasconde dietro quei bellissimi occhi malinconici?

Un bestseller internazionale
Tradotto in 18 Paesi
Romanticissimo, travolgente, un romanzo unico





La mia recensione...
Buonasera a tutti miei adoratissimi Readers <3
Dopo tanto tempo, eccomi qui che torno a recensire uno YA che, a primo impatto, mi aveva subito colpita. La trama, così come ci si presenta, è molto innocente e leggera (anche se riprende un po' di cliché, ma pazienza), tipica del genere. Mi aspettavo di trovare una di quelle storie che lasciano il segno, che si fanno ricordare per personaggi di un certo temperamento e per una narrazione avvincente. Purtroppo Flower mi è molto calato e lo dico con tanta tristezza perché ero davvero emozionatissima e trepidante all'idea di cimentarmi nella storia di Charlotte e Tate. Ma ahimè, le cose non sempre vanno per il verso giusto.


Il libro è il risultato di ben quattro mani, infatti sono due le autrici che hanno dato vita alla storia dei nostri protagonisti: Elizabeth Craft e Shea Olsen.
La prima parte del romanzo è riuscita a intrattenermi con un buon ritmo. La trama si snocciola verso la direzione giusta e i personaggi rispecchiano i profili accennati nella sinossi. Andando avanti nella lettura però, di colpo qualcosa cambia. Tate e Charlotte non mi hanno trasmesso nessuna emozione e più andavano avanti e più mi veniva da ridere. In particolare, il personaggio di Charlotte l'ho trovato poco credibile e di un'incoerenza unica. Avrei gradito più resistenza, più carattere, in lei, d'altronde all'inizio si era posta a noi in un certo modo: ben misurata e con la testa sulle spalle. Invece è risultata essere l'opposto: debole e accondiscendente. Insomma, credibilità pari a zero. Almeno falla sudare un po' la nostra superstar!! Mi sono ritrovata a ridere del suo atteggiamento bisognoso. Ma poi scusate, non era lei la ragazza "in gamba" della sua famiglia?? Credo proprio di no. Vi giuro, un personaggio odioso e patetico di cui io, personalmente, non ne ho visto una crescita durante il romanzo. Tutta la narrazione è un tira e molla continuo, e basta! Alla fine non vedevo l'ora che finisse. Che si prendessero una volta per tutte e basta!
Per non parlare di Tate. OMG! Inizialmente mi ha intrigato parecchio, ma poi, con il suo atteggiamento altalenante, a lungo andare mi ha scassato un po' le balls..
Accidenti, era iniziato così bene T.T. Quanto mi rode quando un libro prende una piega diversa da quella che ti eri immaginata >.<
Si salva lo stile, molto leggero e scorrevole, usato dalle due autrici. Mi dispiace davvero tanto essere così dura, ma questo romanzo non mi ha suscitato emozioni se non rabbia, incredulità, stupore e frustrazione. In sostanza, una grande delusione.
Quindi il mio consiglio è, se decidete di intraprendere questa lettura, di non avere alte aspettative. Tutto quello che potete trovare qui è una storia carina, dolce e semplice, che avrebbe potuto senz'altro svilupparsi 100 volte meglio, sfruttando a pieno tutto il suo potenziale.

In conclusione gli affido 3 dolcetti su 5
Carino